Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

ERC-MACROMOD

ERC-MACROMOD

Programma Quadro logo

New Issues on Macro-Modeling

Direttore Scientifico: Pierpaolo Benigno
Collaboratori:

  • Min Zhang
  • Nisticò Salvatore
  • Romei Federica
  • Zaffaroni Paolo

La LUISS Guido Carli riveste un ruolo di Host Institution per una Grant del Consiglio europeo delle Ricerche (ERC) ottenuto dal Prof. Benigno sul tema “New issues on Macro-Modeling” (MACROMOD).
Questo progetto si propone di sostenere teorie poco conosciute sugli ostacoli all’offerta e alla domanda aggregate presenti negli attuali modelli macroeconomici ampliamente utilizzati per valutazioni di carattere politico.
Sul versante dell’offerta aggregata, la proposta è motivata dalla presenza di un declino nominale e dalle rigidità reali delle economie sviluppate.
L’obiettivo è quello di investigare sulle implicazioni di tali rigidità nei modelli macroeconomici, in particolare su:

  • le relazioni di lungo periodo tra inflazione, disoccupazione e crescita della produttività;
  • le dinamiche intercorrenti tra inflazione e disoccupazione;
  • la distribuzioni dei salari.

La struttura proposta costituisce la base logica per avere un tasso di inflazione positivo che possa supportare il mercato del lavoro sia nella dimensione intertemporale che intratemporale.
Inoltre, essa enfatizzerà il ruolo di politiche di stabilizzazione appropriate volte a ridurre la volatilità nominale e reale nonché migliorare la stabilità di lungo periodo. 
Un ulteriore obiettivo sarà quello di determinare quale sia il tasso di inflazione ottimale per un paese così come la funzione di parametri strutturali come, ad esempio, il grado di volatilità macroeconomica.

La seconda parte del lavoro analizzerà la domanda aggregata secondo gli attuali modelli ponendo particolare attenzione ai fattori di sconto stocastici. È in effetti noto che i modelli macroeconomici sono incapaci di combinare le implicazioni dei prezzi dei beni. Tali mancanze sono maggiormente pronunciate nei modelli macroeconomici aperti dal momento che i fattori di sconto stocastici determinano anche la distribuzione della ricchezza e la ripartizione del potafoglio all’interno di un paese.
Il progetto si occuperà di: documentare i fallimenti delle preferenze standard in accounting; studiare se esista un fattore di sconto stocastico in accordo con i dati e le teorie di non arbitraggio; aggiungere una struttura macroeconomica al fattore di sconto stocastico pur mantenendo la sua coerenze con i dati. In riferimento a quest’ultimo punto verrà data rilevanza alle teroie quasi-razionali di ottimizzazione del comportamento nelle quali le distorsioni nelle distribuzioni di probabilità soggettive possono essere messe in relazione alle variabili macroeconomiche attraverso modelli di ottimizzazione.